Venerdì 24 Maggio 2019
 News  Archivio news  2019  Aprile  Domenica di Pasqua 
Cristo, il Vivente, fondamento della nostra speranza   versione testuale
Omelia del Cardinale Sepe nella Domenica di Pasqua

Domenica di Pasqua
21 aprile 2019
_____________
 
          Cari Fratelli e sorelle,
   “Il Signore è risorto!”. Questo annuncio di gioia che,oggi, domenica di Pasqua, risuona nella Chiesa, diffusa in tutto il mondo, lo facciamo nostro proclamando che Cristo è qui presente in mezzo a noi.
          Oggi è il giorno della Pasqua di risurrezione; è il giorno che ha cambiato la vita nostra e quella del mondo intero e di tutta la creazione.
          Discepoli di Cristo, come Pietro, Giovanni e Maria di Magdala, siamo diventati figli della risurrezione chiamati a testimoniarla e annunciarla a tutti, soprattutto con la nostra vita di risorti in Cristo.
          Figli della risurrezione, noi cristiani siamo uomini e donne della speranza, di fiducia e di pace. Quando proclamiamo a tutti che Cristo è risorto, noi mostriamo lo stupore dell’incontro col Signore della vita, benediciamo la vita come dono e manifestazione dell’amore di Dio.
          È Cristo, il Vivente, il fondamento della nostra speranza. La pietra del sepolcro rotolata, la tomba vuota, i teli e il sudario adagiati a terra, sono i testimoni della nostra speranza, speranza che ha sostenuto sempre la Chiesa, come ha sostenuto i martiri di tutti i tempi e anche oggi, in ogni  parte del mondo.
          Siamo tutti assetati di speranza e, per questo, ci sentiamo impegnati a superare il nostro piccolo mondo fatto di egoismo o interessi personali e ad aprirci ai nostri fratelli e sorelle poveri e bisognosi, aiutarli a superare solitudine e paure, offrendo loro aiuto per vincere il male, ovunque esso si annidi: nelle strutture malavitose, nelle forze negative che tendono a mortificare la dignità dell’uomo e a negare i diritti fondamentali; a seminare zizzania e veleni contro la verità e la giustizia; a creare solo disillusioni, pessimismo, incertezze e vuoto.
          Ma Cristo Risorto è la vita che ha vinto la morte. Ed è con questa fede che desidero porgere auguri di gioia e speranza a tutti voi e, in modo speciale,
  • a voi bambini che, in casa o all’ospedale, state vivendo un tempo di sofferenze e di dolore;
  • a voi anziani, che spesso vi sentite soli o non curati adeguatamente;
  • a voi, cari giovani, spesso scoraggiati perché vi sentite impotenti a realizzare le vostre giuste aspirazioni e i vostri sogni;
  • a voi genitori, che dovete affrontare i gravi problemi educativi ed economici per i vostri figli;
  • a voi, che non avete lavoro o che l’avete perso, angosciati per un futuro che sembra chiuso e privo di speranza.
 
 
A tutti voi, la Chiesa di Napoli assicura vicinanza e rispetto con l’auspicio che, con l’impegno fattivo di tutti, questa Pasqua possa costituire un momento di rinascita e di rinnovamento materiale e spirituale.
La Vergine Maria, Donna della Pasqua, ci sostenga nei nostri propositi e riempia di gioia e speranza, la nostra amata Diocesi di Napoli.
Auguri di Santa e felice Pasqua
Dio vi benedica e
‘A Maronna V’accumpagna
    
stampa