Martedì 17 Settembre 2019
 News  Archivio news  2018  Marzo  Domenica delle Palme 
“Benedetto Colui che viene nel nome del Signore”   versione testuale
Omelia del Cardinale Sepe alla Domenica delle Palme

Domenica delle Palme
25 marzo 2018
_____________
       
Cari Amici,
          Oggi, inizio della Settimana Santa, abbiamo commemorato l’ingresso di Gesù a Gerusalemme, partecipando anche noi alla processione che si è snodata partendo dalla parrocchia di S. Giorgio Maggiore e, attraverso via Duomo, ci ha condotti qui in Cattedrale, portando la palma e cantando inni per esprimere la nostra gioia di incontrare Cristo Signore.
          In questa liturgia eucaristica, la Parola di Dio ci ha fatto ascoltare la narrazione della passione e morte dell’Evangelista Marco, la quale ci sprona a rivivere lo stesso dolore di Cristo e a riconoscere che, nella sua morte, Cristo si rivela a tutti noi come Figlio di Dio, il Servo del Signore.
          “Benedetto Colui che viene nel nome del Signore” cantava in coro la folla presente all’ingresso di Gesù a Gerusalemme; e Gesù, accettando questa proclamazione, la conferma. Come? Facendosi obbediente alla volontà del Padre accettando la morte e la morte di Croce; mostrando che la sua vita è stata spesa per il bene dell’uomo. Anche se questa missione lo metterà davanti a sofferenze e persecuzioni, egli rimarrà fedele a Dio, che lo esalterà.
          Ma oggi Gesù vuole che noi, suoi discepoli, continuiamo la sua missione: “Come il Padre ha mandato me, io mando voi … Andate e fate miei discepoli tutti gli uomini, insegnando loro ad osservare tutte le cose che vi ho comandato”.
          Cari Amici,
          Questo è il senso della nostra fede, della nostra partecipazione al mistero della morte di Cristo. Questa partecipazione non deve essere passiva o superficiale, ma vera, convinta e personale; deve cioè coinvolgerci; deve essere rivissuta nella nostra carne e nella nostra volontà, come in tutta la nostra vita.
          Come è avvenuto in Maria SS.ma, alla quale chiediamo di insegnarci a vivere con gioia questi giorni della Settimana Santa.
                             ‘A Maronna v’accumpagna!
 
stampa