Giovedì 22 Agosto 2019
 News  Archivio news  2019  Agosto  Solennità dell'Assunzione della Vergine Maria 
Solennità dell'Assunzione della Vergine Maria   versione testuale
Omelia del Cardinale Sepe nella Messa della Vigilia

“Grandi cose di te si cantano, o Maria: oggi sei stata assunta sopra i cori degli angeli e trionfi con Cristo in eterno”. La celebrazione odierna ci vede convocati nello straordinario avvenimento della storia della salvezza, che ci fa contemplare la Vergine Maria assunta, in anima e corpo, nella gloria del cielo. Con la sua Assunzione, Maria è stata associata alla risurrezione del suo Figlio Gesù in modo che questa risultasse in Lei una vittoria radicale e totale anche sulla morte. È questo il messaggio principale dato all’umanità di oggi e di sempre. Generando il suo Figlio divino, Ella ha collaborato alla sua vittoria sul male e, sotto la croce, è diventata Madre di tutta l’umanità. Maria assunta appare perciò come l’anticipazione profetica dell’umanità salvata da Cristo, la quale è in cammino verso l’eternità di Dio. In lei , si manifesta anche il nostro glorioso destino: noi pellegrini siamo diretti ad una meta già raggiunta da Maria la quale, perciò, è come una garanzia del nostro futuro. La festa dell’Assunta è, pertanto, la festa della speranza cristiana; è la festa della nostra liberazione, è la festa della nostra gioia senza fine che, in Maria, oggi è una realtà. Come è avvenuto tutto questo in Maria? È avvenuto per la fede. Maria è “colei che ha creduto” (Lc 1,45) accogliendo nel suo cuore la volontà di Dio e mettendola in pratica, dando cioè spazio a Dio in tutta la sua vita, accogliendolo con amore e senza riserve. Anche noi siamo credenti. Crediamo che Dio è all’ origine della nostra vita, è presente nella nostra storia, ci accompagna ogni giorno perché ciascuno possa realizzare il progetto di amore che egli ha posto nei nostri cuori, come avvenne in Maria. Tutto questo sarà possibile se, come Maria, assumiamo un atteggiamento di umiltà e di disponibilità verso Dio e verso i fratelli. “L’anima mia magnifica il Signore, esulta in Dio mio Salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva”. L’insegnamento, allora, che ci viene dalla Festa dell’Assunzione di Maria è che se anche noi vogliamo godere, un giorno, della piena comunione con il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, dobbiamo allontanare da noi tutto ciò che sa di superbia, di affermazione della nostra sufficienza, di affidamento alle nostre risorse o pretese ricchezze. Desidero ora invitarvi tutti a unire la nostra preghiera nel primo anniversario della morte di Giovanni, Matteo, Gerardo e Antonio, i quattro giovani di Torre del Greco deceduti nel crollo del ponte Morandi a Genova. Il Signore li accolga tra le sue braccia misericordiose e dia loro la pace eterna Affidiamoci con amore filiale a Colei che è nostra Madre e Maestra e ci indica la strada sicura per incontrare e rimanere sempre con il suo Figlio Gesù il Cristo. Auguri di Santa Festa dell’AssuntaDio Vi benedica e‘A Maronna V’accumpagna!
stampa