Archivi della categoria: News

Solidarietà con i cristiani dell’India

Venerdì 5 settembre 2008 Giornata di preghiera e digiuno per i fratelli e le sorelle dell’India

Unendosi all’appello del Santo Padre e all’invito della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana, il Card. Arcivescovo Crescenzio Sepe, chiede che le parrocchie, le comunità religiose e le realtà ecclesiali di Napoli, venerdì 5 settembre memoria liturgica della Beata Madre Teresa di Calcutta, si raccolgano in preghiera

Ufficio Diocesano Confraternite

DISCIPLINARE PROVVISORIO PER LE CONFRATERNITE DELL’ARCIDIOCESI DI NAPOLI

Sino all’entrata in vigore delle nuove norme del Regolamento per le «Arciconfraternite dell’Arcidiocesi di Napoli» avrà vigore il seguente disciplinare provvisorio

Riprende la rubrica il Vangelo della Domenica

Linee interpretative del Vangelo domenicale elaborate nell’incontro settimanale del lunedì dal gruppo della Comunità de “Il Filo” (Gruppo Laico di Ispirazione Cristiana www.ilfilo.org; e-mail: amicidelfilo@libero.it) insieme con P. Gennaro Lamuro resp. del Servizio Animazione Biblica della Diocesi di Napoli.

Riprende la rubrica il Vangelo della Domenica

Rubrica curata da Padre Gennaro Lamuro - Servizio Animazione Biblica della Diocesi di Napoli

Linee interpretative del Vangelo domenicale elaborate nell’incontro settimanale del lunedì dal gruppo della Comunità de “Il Filo” (Gruppo Laico di Ispirazione Cristiana www.ilfilo.org; e-mail: amicidelfilo@libero.it) insieme con P. Gennaro Lamuro resp. del Servizio Animazione Biblica della Diocesi di Napoli.

Video dell’incontro del Cardinale Sepe a Cortina D’Ampezzo

Incontro con Erri De Luca, Mario Orfeo e Fabio Zavattaro

«Napoli non può morire, perché porta in sé un’eredità impossibile da distruggere, nessuno può pensare di sperperarla». Così il cardinal Sepe, arcivescovo di Napoli, nell’incontro che ha avuto per tema i mali che affliggono la Campania, dalla criminalità al degrado dei rifiuti.

Intervista di Alessandro Speciale al Cardinale Sepe

Credo che non si è Nazione se non si praticano solidarietà e aiuto ai più svantaggiati, doveri primari per ogni buon cristiano e per ogni laico di sani principi, soprattutto quando vi sono parti di territorio e aree che, anche per problemi storici e precarietà strutturali, camminano a diversa velocità.