S. Maria di Betlemme

S. Presepe in Bethlem

Si hanno poche le notizie intorno a questo monastero. Sarebbe sorto intorno al 1650 per volontà di suor Maria Maddalena, al secolo Isabella Carafa, già monaca del convento della Sapienza, dal quale era fuoriuscita nel 1646 per aggregarsi dapprima alle religiose del monastero di Suor Orsola Benincasa e poi a quelle di S. Maria Egiziaca a Pizzofalcone.

Ottenuta l’autorizzazione pontificia, la Carafa acquistò per la somma di 12.000 ducati un palazzo con giardini dagli eredi di Carlo Tappia situato nei pressi della chiesa di S. Carlo alle Mortelle stabilendovisi assieme a cinque altre monache e a due converse. Per decisione di Innocenzo III fu fissato in 33 il numero massimo di religiose da accogliere, mentre l’ammontare della dote da versare al monastero doveva essere di 2.000 ducati, per undici monache numerarie, e di 1.500 ducati per le soprannumerarie.

Il monastero era noto tanto per la castigatezza dei costumi delle monache quanto per la sua bellezza architettonica e le sue comodità. Si trovava in uno dei punti più ameni della città, rinomato per la salubrità dell’aria e la copiosità delle acque a disposizione.

Nonostante la bellezza del luogo e il rigore dello stile di vita, non mancarono episodi raccapriccianti, come quello che coinvolse suor Maria Gabriella della SS. Annunziata, al secolo Teresa Camerlengo, professa del monastero e protagonista nel 1626 di un’esperienza dal carattere mistico-visionario che avrebbe attirato l’intervento di un esorcista; una manifestazione palese del malessere presente all'interno della vita monacale..

Una volta espulse le monache a motivo della soppressione del 1808, il fabbricato fu adibito in un primo tempo a caserma e successivamente a Padiglione per le vedove indigenti dei militari.

Attualmente, tanto l’esterno della chiesa quanto quello del complesso conventuale, trasformato in abitazioni private, versano in uno stato di particolare degrado.

a.v.

Fotografie di Massimo Velo


📍Quartiere: Chiaia, Salita Betlemme

 ☨  Tipologia: Monastero domenicano

📅 Data di fondazione: 1650, Sopp. 1808

⛪ Regola monastica: Domenicana

👩🏻 Fondatrice: Isabella Carafa

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail