Festa della Madonna Assunta in Cielo

Il Cardinale Sepe prega per i Cristiani perseguitati, per i giovani e per quanti soffrono la mancanza di un pezzo di pane

Centinaia di cattolici appartenenti ai gruppi etnici che vivono ed operano a Napoli  hanno preso parte alla celebrazione eucaristica presieduta dal Cardinale Crescenzio Sepe nella Chiesa Cattedrale affollata da tanti fedeli e turisti, che sono stati accolti dall’Arcivescovo con un indirizzo di saluto pronunciato in inglese, francese, spagnolo, filippino e cinese.E’ stata una liturgia, quella del 15 agosto dedicata alla Madonna Assunta in Cielo, che è stata animata da canti, danze e musiche dei Paesi di origine di fedeli provenienti dallo Sri Lanka, dalle Filippine, dall’Ucraina e dalla Russia, dalla Polonia, dalla Nigeria e dalla Cina.Coordinatori della celebrazione don Salvatore Fratellanza, direttore dell’Ufficio Turismo, e don Rosario Borrelli, direttore dell’Ufficio Migrantes, i quali, per l’occasione, si sono avvalsi della collaborazione della Comunità di Sant’Egidio, presente con una larga rappresentanza di operatori, nonché con i massimi vertici, il Fondatore prof. Andrea Riccardi e  il Presidente prof. Marco Impagliazzo.“ Come ha fatto Maria Santissima, – ha detto nell’omelia il Cardinale Sepe – siamo chiamati a testimoniare amore nella vita di tutti i giorni, che deve essere intessuta di responsabilità, di impegno, di rispetto verso l’altro, di solidarietà per coloro che hanno bisogno di amicizia e di aiuto. E’ necessario saper vedere nella semplicità del quotidiano, fatto di incontri, di visite, di lavoro e di attività varie, la presenza di Dio che ci è vicino: accogliere l’altro, lo straniero, il rifugiato, se fatto e vissuto nella fede, è come una visita di Dio, un atto di grande umanità e amore”.“Quando l’uomo dimentica Dio – ha proseguito l’Arcivescovo di Napoli – o strumentalizza Dio per i propri interessi politici, economici, culturali e pseudo-religiosi, allora si mettono in atto, come sta avvenendo anche in questi giorni, efferati  strumenti di guerra e persecuzioni che non risparmiano bambini, donne e intere comunità, la cui unica colpa è quella di avere altra ideologia e altro credo, diversi da quelli che si pretende di imporre”.“Vogliamo pregare – ha sottolineato  il Cardinale durante la Messa della Vigilia – per i tanti cristiani perseguitati in varie Nazioni, perché siano riconosciuti i loro diritti alla libertà religiosa e onorata la loro dignità di figli di Dio. E chiediamo, nel contempo, a Maria Assunta in Cielo di aiutarci a proclamare e praticare amore e solidarietà nei confronti di tutti i nostri fratelli e sorelle, in particolare dei giovani e di quanti soffrono anche la mancanza di un pezzo di pane a causa di una povertà sempre più diffusa”.  A tale riguardo l’Arcivescovo ha ricordato che “la Diocesi di Napoli ha ritenuto di tenere attive, anche in questo mese di agosto, nove mense, che distribuiscono migliaia di pasti ogni giorno”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail