Militari caduti a Kabul: il dolore del Cardinale Crescenzio Sepe

" Si tratta di veri martiri della pace"

La Chiesa di Napoli sente di esprimere profondo dolore per la tragica morte che ha colpito sei nostri militari impegnati in Afghanistan con il contingente italiano. Si tratta di veri “martiri della pace”, ai quali è stata tolta la vita solo perchè operavano in nome della solidarietà umana e della giustizia, contro cui incredibilmente e follemente si battono le forze eversive locali che vogliono impedire a quel Paese di raggiungere l’ordine sociale e di affermare la democrazia.
In questo momento di grande tristezza ci uniamo al cordoglio unanime dell’Italia, esprimendo piena vicinanza alle forze militari e assicuriamo la nostra fervente preghiera per le anime dei caduti e per la piena ripresa dei feriti, mentre vogliamo far pervenire alle famiglie delle vittime, in modo particolare dei due campani, il sergente maggiore Roberto Valente di Napoli e il caporal maggiore Massimiliano Randino di Pagani, sentimenti di condivisione del grave lutto e di profonda solidarietà cristiana, invocando su di loro la benedizione del Signore perché possa rendere più lieve la dura prova cui sono state costrette dalla perdita dei cari congiunti.
condividi su